Select Page

Con questa prima intervista cominciamo a raccontarvi un po’ chi è Chorally e come si posiziona nel mondo digitale. Come funziona la piattaforma su cui il team lavora ogni giorno? E quali sono le strategie per la soddisfazione del cliente?

Lo scopriamo attraverso le parole di Francesco Acabbi, COO dell’azienda e responsabile delle Customer Operations.

Ciao Francesco, presentati!

Mi definiscono il volto serio, razionale e strutturato dell’azienda. Ma in realtà amo lo humor e l’ironia, quando non sono “in servizio”, ovviamente.

Qual è il tuo ruolo in Chorally e da quanto tempo ne fai parte?

Da quasi 3 anni sono il COO e il responsabile delle Customer Operations di Chorally. Il mio lavoro è assicurarmi che i clienti godano al meglio dei nostri servizi e siano talmente soddisfatti da continuare a sceglierci.

In che cosa consiste il tuo lavoro?

Il mio lavoro è simile a quello di un allenatore sportivo: la mia squadra è il Team Customer Success, che ogni giorno è sul campo per seguire i nostri clienti e progetti. Per prima cosa, li aiuto a preparare la partita: ad esempio, a programmare al meglio le attività di servizio, imparando anche dalle esperienze pregresse. Poi supporto il team a giocarla al meglio questa partita; il che significa dare consigli utili e sfruttare occasioni per generare nuove opportunità di sviluppo della piattaforma. Non ultimo, è importante anche gestire eventuali disservizi che possono emergere in fase di utilizzo da parte del cliente.

Cosa facevi prima di entrare in Chorally e perché hai scelto questa azienda?

Ho lavorato per più di dieci anni come consulente aziendale su temi di Sales, Marketing e Customer Service, soprattutto in ambito digitale. Il settore mi è sempre piaciuto molto, e con Chorally c’era l’opportunità di fare un’esperienza innovativa, provando a mettere in pratica quello che avevo imparato negli anni. Così, quando sono entrato in contatto con questa start-up ci è voluto poco per lanciarsi in un’avventura imprenditoriale

Parlaci di un’area di esperienza che ritieni possa essere un punto di forza della qualità del prodotto Chorally.

Una delle mie aree di esperienza è il Customer Service, e Chorally è fortissima in quest’ambito. Abbiamo sviluppato un modulo della piattaforma che è dedicato al Digital Customer Service. In sostanza, tramite la nostra piattaforma, aiutiamo i brand e le aziende a servire meglio il proprio pubblico (clienti fidelizzati e potenziali, fan e semplici curiosi) attraverso tutti i possibili canali digitali, che oggi abbiamo a disposizione: social media, strumenti di messaggistica, Chat, e-mail, etc. Qualunque sia il canale di provenienza del contatto o dell’interazione, noi la raccogliamo, gli diamo la giusta importanza e rendiamo possibile una risposta rapida ed efficace. Riusciamo a farlo perché uniamo le migliori risorse dell’azienda con la più aggiornata tecnologia, tramite l’intelligenza artificiale di Chorally.

Cosa ti soddisfa del tuo lavoro e qual è la tua sfida quotidiana?

I punti di forza di Chorally sono la grande libertà e possibilità di fare “concretamente” la differenza che l’azienda mette nelle mani di tutti i componenti del team. In Chorally ci sono relazioni umane vere e sincere. Siamo un gruppo piccolo, ma con grandi idee e ambizioni. Certo, non sempre la vita è facile: essere una start-up che si scontra con aziende multinazionali con risorse infinitamente maggiori delle nostre, implica dover lottare, innovare e generare valore tutti i giorni per mantenere la nostra credibilità con clienti e partners.

Abbiamo parlato dei punti di forza dell’azienda. Quali sono invece i tuoi? Ci puoi confessare un tuo difetto?

Penso che i miei punti di forza siano la razionalità, la capacità di analisi e di strutturazione. Di contro, non sempre sono molto flessibile e improvvisatore.

Quando è importante per te lavorare in team?

Molto, non sono un solitario né un solista. Chorally è un ambiente veramente “corale”, come dice il nome, e questo è un grande valore.

Ci racconti un obiettivo raggiunto nel tuo lavoro e di cui vai particolarmente fiero?

Di recente, abbiamo realizzato un’indagine di soddisfazione presso i nostri clienti; gli aspetti che più hanno apprezzato sono stati la disponibilità e la competenza del team, che hanno raccolto voti sempre alti. Penso che sia la più grande gratificazione che si possa avere: significa che è riconosciuto il grande impegno delle persone che lavorano in quest’azienda.

Perché consiglieresti Chorally ad una nuova azienda?

Perché Chorally porta benefici molto tangibili. Aiuta le aziende a crescere in maniera strutturata e strategica, pianificando le attività nei diversi ambiti. Chi già usa la piattaforma Chorally, l’ha sperimentato e sa di cosa stia parlando.

Scegli una foto o un’immagine che in qualche modo può rappresentarti e spiegaci perché.

Ho scelto questa immagine della Terra, perché mi ricorda che ogni giorno il sole sorge di nuovo e porta nuove possibilità.