La visione di Mark Zuckerberg per il nuovo decennio 2020

by Jan 20, 2020Analisi Social Network, Interviste & Webinar

L’inizio dell’anno è sempre tempo e auspicio per i buoni propositi. Vale un po’ per tutti, figuriamoci se a cominciare è un nuovo decennio. Non è sfuggito alla tentazione di condividere la sua visione del futuro anche colui che più di altri il “nostro” futuro lo può influenzare (eccome): Mark Zuckerberg.

Il fondatore di Facebook il 9 gennaio ha postato proprio sul suo profilo pubblico un programma di intenti di lavoro su cui focalizzerà il suo impegno nel decennio appena iniziato. Le sfide che ha deciso di affrontare vanno dall’identificare un nuovo ruolo per i millennials, all’evoluzione tecnologica delle piccole attività, dalla creazione di una piattaforma sociale “privata” alle nuove forme di governance, con un’attenzione sempre maggiore alle opportunità di decentralizzazione.

Nel post Zuckerberg trova spazio anche per parlare di responsabilità sociale, privacy e sicurezza, realtà aumentata e virtuale.

Per saperne di più, prosegui questa lettura. Ecco la traduzione italiana del post.

“Ogni nuovo anno nell’ultimo decennio mi sono prefisso una sfida personale. Il mio obiettivo era crescere in nuovi modi al di fuori del mio lavoro quotidiano su Facebook. Questi mi ha portato ad imparare il Mandarino, introdurre un assistente di intelligenza artificiale per casa mia, leggere più libri, correre molto di più, imparare ad andare a caccia e cucinare, e stare più a mio agio nel parlare in pubblico.

Quando ho iniziato queste sfide, la mia vita era quasi tutta legata al costruire il sito web di Facebook (era per lo più un sito web all’epoca). Ora c’è molto di più da cui imparare. Su Facebook stiamo costruendo molte app e tecnologie diverse — che vanno da una nuova piattaforma social “privata” alla realtà aumentata e virtuale — e ci stiamo occupando di molte più responsabilità sociali. Al di fuori di Facebook, ora sono padre e amo passare del tempo con la mia famiglia, lavorare sulla nostra filantropia, e migliorare gli sport e gli hobby che ho praticato nel corso degli anni. Quindi, anche se sono felice di aver lanciato grandi sfide negli ultimi dieci anni, ora è il momento di fare qualcosa di diverso.

Nel prossimo decennio ho intenzione di stabilire un focus a lungo termine. Invece di puntare a sfide di anno in anno, ho provato a pensare a quello che spero che il mondo e la mia vita saranno nel 2030 così posso essere sicuro di concentrarmi su queste cose. Per allora, se le cose andranno bene, mia figlia Max sarà alle superiori, avremo la tecnologia per sentirci veramente presenti con un’altra persona ovunque si trovi, e la ricerca scientifica avrà aiutato a curare e prevenire abbastanza malattie da prolungare la nostra speranza di vita media di altri 2.5 anni.

Ecco alcune delle cose che penso saranno importanti nel prossimo decennio.

Cambio generazionale

Quando sono partito con Facebook, uno dei motivi per cui volevo dare voce alle persone era che avrebbe dato potere alla mia generazione — che pensavo avesse cose importanti da dire e non era stata ascoltata abbastanza. E’ venuto fuori però che non era solo la mia generazione a sentirsi emarginata e aver bisogno di più voce. Questi strumenti hanno dato potere a molti gruppi diversi in tutta la società. Sono felice che più persone abbiano avuto voce, ma ciò non ha ancora portato il cambiamento intergenerazionale nell’affrontare questioni importanti come avevo desiderato. Penso che accadrà in questo decennio.
Oggi, molte importanti istituzioni della nostra società non stanno ancora facendo abbastanza per affrontare le questioni che le giovani generazioni hanno davanti — dai cambiamenti climatici ai costi dell’istruzione, della casa e dell’assistenza sanitaria. Ma visto che i Millennials e più membri delle generazioni più giovani possono votare, mi aspetto che questo inizi a cambiare rapidamente. Entro la fine di questo decennio, mi aspetto che più istituzioni saranno gestite dai Millennials e saranno previste altre politiche per affrontare questi problemi con prospettive a lungo termine.

In molti modi, Facebook è un’azienda “millennial” che ha in mente i problemi di questa generazione. In azienda, alla Chan Zuckerberg Iniziative, il nostro focus è orientato a sforzi a lungo termine che aiuteranno principalmente la generazione dei nostri figli, come investire nella cura, prevenire e gestire tutte le malattie, o rendere l’educazione primaria più personalizzata alle esigenze degli studenti. Nel prossimo decennio, ci focalizzeremo di più sui finanziamenti e sulla creazione di una piattaforma per giovani imprenditori, scienziati e leader per consentire questi cambiamenti.

Una nuova piattaforma sociale “privata”

Internet ci ha dato il superpotere di essere in grado di entrare in contatto con chiunque, ovunque. Questo è incredibilmente potente e significa che le nostre relazioni e le nostre opportunità non sono più limitate solo dove viviamo. Ora facciamo parte di una comunità con miliardi di persone dentro — con tutto il dinamismo, la cultura e l’opportunità economica che ciò comporta.

Ma far parte di una comunità così grande ci pone di fronte a nuove sfide e ci fa desiderare “l’intimità”. Sono cresciuto in una piccola città, dove era facile avere una nicchia e uno scopo. Ma con miliardi di persone, è più difficile trovare il tuo ruolo unico. Per il prossimo decennio, alcune delle infrastrutture sociali più importanti ci aiuteranno a ricostruire vari tipi di comunità più piccole per darci di nuovo quel senso di intimità.

Questo è uno dei settori dell’innovazione di cui sono più entusiasta. I nostri ambienti sociali digitali saranno molto diversi nei prossimi 5 anni. Daremo nuova linfa alle interazioni private, che ci aiuteranno a costruire “comunità più piccole”, di cui tutti abbiamo bisogno nella nostra vita.

L’opportunità di “decentralizzare”

Negli ultimi dieci anni, la crescita più rapida dell’economia è stata nell’industria tecnologica. Nel prossimo decennio mi aspetto che la tecnologia continui a creare opportunità, ma permettendo di più a tutte le altre parti dell’economia di sfruttare meglio la tecnologia e crescere ancora più rapidamente.

L’ambito su cui siamo più concentrati è quello dell’aiuto alle piccole imprese. Attraverso i nostri servizi, più di 140 milioni di piccole imprese raggiungono già i clienti — per lo più gratuitamente. Oggi ciò assume la forma di un imprenditore che ha creato un account su Facebook, Instagram o WhatsApp, che comunica gratuitamente con le persone, o acquista inserzioni per promuovere il proprio messaggio in modo più ampio. Nel prossimo decennio, speriamo di costruire gli strumenti per il commercio e i pagamenti, in modo che ogni piccola impresa abbia un facile accesso alla stessa tecnologia che in precedenza solo le grandi aziende hanno avuto.

Se riusciamo a farlo in modo che chiunque possa vendere prodotti tramite una vetrina virtuale su Instagram, inviare messaggi e supportare i propri clienti tramite Messenger, oppure inviare denaro a casa in un altro paese all’istante e a basso costo tramite WhatsApp — questo significherà molto per la creazione di più opportunità in giro per il mondo. In fin dei conti, un’economia forte e stabile deriva da persone che hanno successo in generale, e il modo migliore per farlo è fare in modo che le piccole imprese possano effettivamente diventare aziende tecnologiche.

La prossima piattaforma informatica

La piattaforma tecnologica degli anni 2010 è stata lo smartphone. La piattaforma degli anni 2000 è stata il web, e quella degli anni ‘90 il computer. Ogni piattaforma informatica diventa ogni giorno sempre più accessibile e per noi è naturale interagire con essa. Mentre mi aspetto che i telefoni siano ancora i nostri dispositivi principali per la maggior parte del prossimo decennio, ad un certo punto negli anni 2020, avremo degli occhiali per la realtà aumentata, che definiranno ex novo il nostro rapporto con la tecnologia.

La realtà aumentata e virtuale consiste nel dare “un senso di presenza” — la sensazione di essere proprio lì con un’altra persona o in un altro posto. Invece di avere dispositivi che ci portano via dalle persone intorno a noi, la prossima piattaforma ci aiuterà ad essere più presenti l’uno con l’altro e aiuterà la tecnologia a togliersi di mezzo. Anche se alcuni dei primi dispositivi sembrano goffi, credo che queste saranno le piattaforme tecnologiche più umane e sociali che chiunque abbia mai costruito.

La capacità di essere “presenti” ovunque ci aiuterà anche ad affrontare alcune delle più grandi questioni sociali del nostro tempo — come il gonfiare i costi delle case e la disuguaglianza di opportunità per geografia. Oggi, molte persone sentono di dover trasferirsi in città perché è lì che si trovano i posti di lavoro. Ma non ci sono abbastanza alloggi in molte città, quindi i costi dell’alloggio sono alle stelle mentre la qualità della vita è in calo. Immagina se potessi vivere ovunque tu abbia scelto e accedere a qualsiasi lavoro altrove. Se garantiamo ciò che stiamo costruendo, entro il 2030 questo dovrebbe essere molto più vicino alla realtà.

Nuove forme di governance

Una delle grandi domande per il prossimo decennio è: come dovremmo governare le nuove grandi comunità digitali che Internet ha abilitato? Piattaforme come Facebook devono trovare un compromesso sui valori sociali ai quali tutti noi teniamo, come tra la libera espressione e la sicurezza, o tra la privacy e le forze dell’ordine o tra la creazione di sistemi aperti e il blocco dei dati e dell’accesso. È difficile che ci sia una chiara risposta “giusta”, e in molti casi è altrettanto importante che le decisioni vengano prese in modo legittimo per la comunità. Da questo punto di vista, non credo che le società private dovrebbero prendere così tante decisioni importanti che toccano i valori democratici fondamentali.

Un modo per affrontarlo è attraverso la regolamentazione. Finché i nostri governi sono considerati legittimi, le regole stabilite attraverso un processo democratico potrebbero aggiungere più legittimità e fiducia delle regole definite dalle sole società. Esistono diverse aree in cui ritengo che stabilire regole più chiare per i governi sarebbe utile, tra cui elezioni, contenuti dannosi, privacy e portabilità dei dati. Ho chiesto una nuova regolamentazione in questi settori e nel prossimo decennio spero che avremo regole più chiare per Internet.

Un altro modo, forse persino migliore, per affrontarlo è stabilire nuovi modi in cui le comunità possano governare se stesse. Un esempio di governance indipendente è il Consiglio di sorveglianza che stiamo creando. Presto sarai in grado di presentare ricorso contro le decisioni sui contenuti con cui non sei d’accordo con un Consiglio indipendente che avrà la decisione finale in merito alla possibilità di concedere qualcosa. Nel prossimo decennio, spero di usare la mia posizione per stabilire più governance della comunità e più istituzioni come questa. Se ciò avrà successo, potrebbe essere un modello per altre comunità online in futuro.

Abbiamo molto da fare nel prossimo decennio e c’è molto da imparare per aiutare a far sì che tutto questo accada. Spero che il tuo nuovo anno e il tuo nuovo decennio stiano per iniziare bene. Buon 2020.”

Mark Zuckerberg